TEORIA BISLACCA SUL MERITO E SULLA MEDIOCRITA’

La vicenda di Di Pietro e di suo figlio mi ferisce, ma come Travaglio ha nostalgia di Prodi, non vorrei anch’io pentirmi successivamente e poi magari pubblicamente dovermene dispiacere di qualche parola pubblicata a vanvera, proprio nei confronti di una persona come Antonio Di Pietro su cui ripongo massima fiducia. Perciò non dirò nulla, tanto più che il povero cristiano_dp.gifCristiano Di Pietro ha pubblicato una lettera sul blog di Italia dei Valori in cui dichiara di lasciare l’Italia dei Valori e conseguentemente ogni incarico di partito ed anche il suo ruolo di Capogruppo al Consiglio provinciale di Campobasso.

A questo punto dico anche ad Antonio Di Pietro di andare avanti così, di continuare nella sua lotta contro la corruzione, perché tanti italiani credono ancora nella politica che persegue il bene e la felicità.

 

Apro tuttavia una maledetta parentesi sul merito e sull’invasione italica della parentela, ad ogni livello e  colgo perciò l’occasione per pubblicare un mio vecchio racconto che riguarda il cinema e il mondo dello spettacolo dove questa tara ereditaria del merito (o mediocrità) sembra trasmettersi per via puramente genetica.

 

Il Festival

di Giulia Penzo

 

“Siamo tutti figli d’arte!”, Lucia, dicendo queste parole, salutò il pubblico in sala ed entrò nel corridoio freddo dietro il sipario.

Le voci si rincorrevano sul largo corridoio illuminato a giorno e i concorrenti zompavano come galline alla rinfusa.

I figli degli artisti sono i felici geni delle opportunità. Non si capisce come in loro si riunisca il meglio e il meglio venga sempre fuori, si faccia sempre strada, trovi sempre la strada e, quando la perdono, questi esseri sono quelli che determinano come l’infelicità appartenga anche a pochi innominabili felici e come il talento si soffermi stranamente negli individui in maniera puramente casuale.

Davanti ai fotografi, giornalisti e politici, arrivati per lo spettacolo d’apertura del prestigioso Festival della Cinematografia d’Autore, erano tutti sorridenti.

Il Festival si apriva con una presentazione critica degli attori.

Gli attori sedevano dietro ad una lunga tavola posta sul palco, in maniera quasi congressuale, con il giornalista abbinato ad un attore o regista, in una sorte di strano vis à vis, e un presentatore che alternava le domande ad intermezzi musicali e a coreografici balletti di danza minimalista.

Gli attori sul palco sembravano proprio una gran bella famiglia ed erano tutti di buona famiglia, diciamo che erano quasi tutti figli d’arte!

Elargivano sorrisi a destra e a sinistra per non turbare nessuno, per non essere indifferente o, ancor peggio, supponente, anche se c’era chi, perennemente imbronciato, manifestava apertamente la propria alterigia perché sapientemente aveva intuito come un’aria misteriosa e sprezzante si confà un po’ a tutti e impedisce un’eccessiva confidenza, sempre molto utile in caso di domande problematiche.

Perché, bisogna pur dire che, per i figli d’arte, ogni volta è una fatica, una fatica immane distaccarsi da quello che è l’immaginario collettivo della figura paterna o di quella materna, per fare esattamente l’opposto, per sembrare l’opposto o comunque simile, per dimostrarsi capaci più, incredibilmente molto, molto ma molto più dei propri parenti.

O forse così, succedeva all’inizio.

Nel bel mezzo del successo arrivava l’approvazione della parentela, come la mano santa del prete benedice l’ultimo redento. Perché, naturalmente, come tutti, anche i figli d’arte ne fanno di gavetta.

Per esempio, la nostra Lucia, quella della frase iniziale, già aveva dato un’incredibile prova d’artista, quando aveva solo un anno e, durante la sequenza centrale, quella in cui l’attrice principale la prendeva in braccio, aveva lanciato un urlo – di solito i veri artisti improvvisano- davvero straziante, tanto che tutti, proprio tutti, avevano esultato: “Buon sangue non mente! È proprio straordinaria, ha recitato perfettamente la parte!”, e non importava che la scena dovesse risultare comica, perché il montaggio, come si sa, fa miracoli.

I figli d’arte fin dall’infanzia devono sopportare gli abusi della macchina da presa e, peggio del figlio di Piaget, perché lui almeno l’aveva subita in nome della scienza.

I figli d’arte non hanno l’infanzia normale, ma si vedevano o, meglio, s’intuivano, nelle pance materne che svettavano nelle foto dei vari settimanali o già adulti, a fianco di quell’attore o regista o produttore, che adesso li presentavano al pubblico con un vago sentore da sequel horror. Persino loro ne avevano ignorato l’esistenza, della prole, s’intende, e se la ritrovavano all’insaputa magari nel loro stesso film, sotto un nome diverso o magari col loro stesso nome – proprio non ci avevano fatto caso -, e non sapevano di essere padri o madri o zii o zie, nonne o nonni.

Anche Lucia, sia chiaro, aveva fatto tutto da sola.

Lei fin da piccola si ritrovava casualmente nel set ed era inserita nel cast a sua insaputa. E l’aria che aveva respirato, aria d’arte naturalmente, lei, gratis, poteva berne tranquilla a casa. Tutta quest’aria le conferiva un’aureola particolare, i capelli le ricadevano nel viso incorniciandolo, facendolo sembrare più bello e sicuramente espressivo.

E Lucia aveva studiato. Aveva frequentato l’accademia per diventare attrice, conosceva tre lingue diverse, aveva superato con successo un tribolante corso di dizione per far scomparire la ruzzolante erre, e aveva fatto volontariato con il figlio autistico del suo autista per ben 32 ore dilazionate su 45 mesi, al termine del quale il bimbo autistico aveva appreso un’erre alla francese davvero deliziosa. Dopo quest’esperienza drammatica, in cui aveva conosciuto la vera sofferenza, poteva affermare che lei, lei poteva dichiararsi ben disposta verso tutti.

Ecco perché si arrabbiò molto, quando la giornalista, davanti al pubblico che si era riunito in sala per la cerimonia d’apertura, le chiese: – E’ stato facile per lei lavorare con sua madre?

Lucia la guardò allibita. Quell’espressione le confaceva molto. Per imparare quest’espressione il Prof. Lefevbre del corso accademico di mimo/danza spaziale ne aveva diluito l’apprendimento, attraverso una segmentazione dell’espressione stessa, e per questo, per passare da un’espressione ad un’altra c’impiegava esattamente 0,5 secondi, il tempo minimo con cui l’espressione poteva essere percepita dall’occhio umano come naturale e non come prodotto artefatto.

La giornalista difatti non s’accorse dell’espressione successiva: per lei Lucia rimaneva sempre allibita.

Lucia rispose seraficamente: “Il nostro film, come saprà, ha come soggetto una rappresentazione immediata e contingente della realtà. Una realtà dura, di guerra, di fame, di donne sottomesse, private dei più elementari diritti umani. Parla di un paese dove le donne sono costrette a indossare il burqa. Lei sa cos’è il burqa?”

La giornalista le fece un segno d’assenso e lei continuò: “Ecco, noi donne siamo state costrette a portarlo durante la lavorazione del film, e anche quando uscivamo per la strada, era per noi impossibile girare senza indossarlo. In questo modo ho potuto capire cosa si prova ad essere oggetto di desiderio senza indossare nulla che potesse indurre ad esso. Questo è anche la prova che sotto il vestito niente, la grande fesseria occidentale, in realtà si può trasformare in sotto il vestito tutto, perché il desiderio si mantiene integro anche sotto una palandrana di lana, ed è segno che anche solo l’idea scatena il desiderio. “

La giornalista non capiva se Lucia avesse risposto alla sua domanda, ma continuò lo stesso nell’intervista. Certo non voleva dimostrare di essere incompetente.

 “Sua madre, grande attrice, non l’ha mai aiutata nel suo lavoro?” continuò imperterrita la giornalista.

“Mia madre? Sinceramente non sapevo che ci fosse mia madre. I truccatori erano bravissimi. Stavamo ore e ore al trucco. Sa, gli occhi, lavorando solo con l’espressione degli occhi, è difficile esprimere tutto con gli occhi. Avevamo negato il linguaggio del corpo. E’ stato veramente un film di ricerca. Una ricerca soprattutto dentro noi stessi. Credo che lo spettatore abbia capito qual è stato lo spessore che volevamo dare all’intera vicenda. Mia madre, se lei intende la madre del personaggio che interpreto, è una donna complessa, combattuta tra il rispetto della propria tradizione e il desiderio di imporre la propria femminilità. La sua pazzia è solo il sintomo di una società malata, di cui lei diventa il capro espiatorio”.

“E suo padre, il regista, è stato difficile per suo padre girare quelle scene di sesso?”

“Mio padre? Anche con mio padre tutto è risultato sorprendentemente semplice. Il burqa nascondeva la faccia ed io mi confondevo tra le altre. Lui mi trattava esattamente come un’attrice e, avere la consapevolezza che era l’occhio di mio padre quello che mi guardava e mi giudicava, costituiva per me una prova della stima che provava per me come attrice”.

“Suo zio, il famoso attore Palombo, che nel film interpreta il suo amante, ha affermato che lavorare con lei equivale a godere della levità di Audrey Hepburn e dell’intelligenza di Liv Ullmann. Lei che ne pensa?”

Ormai Lucia era entrata nella parte. Sapeva di aver conquistato il pubblico seduto in sala, che la guardava estasiato.

“Palombo è fantastico! Lui ha saputo interpretare la metafora del viaggio in una poetica dell’assurdo, per cui nei suoi gesti si ripercuote la miseria della terra, in un fiorire di segni di pace, dove i gesti dell’umano acquistano come bugiardi giani bifronte il significato di vita/morte, presenza assenza”.

La giornalista apparve agli occhi del pubblico improvvisamente cretina.

La bellezza di Lucia appiattiva la sua semplice avvenenza. La sua arguzia nel rispondere rendeva le domande della giornalista persino imbarazzanti.

Le luci si soffermarono per un attimo sul viso diafano di Lucia e tutti pensarono a quale concentrato di bellezza e intelligenza ci fosse in quella donna.

La giornalista cercò di riprendersi. Fece un piccolo sorriso al pubblico, tentando un finale degno della sua professionalità.

“Circolano voci che si presenterà come candidato al parlamento nelle prossime politiche. Darà l’addio al cinema?”

Lucia se l’aspettava. Guardò ironicamente la giornalista.

“Non credo si possa mai abbandonare qualcosa a cui si è destinati per amore. La vita è arte e siamo davvero tutti figli d’arte. Ora, a 35 anni, è arrivato il momento di pensare alla famiglia”.

Alla parola “famiglia” ci fu uno scroscio d’applausi.

Brava! Brava!

Il presentatore intervenne. Il tempo era scaduto e la giornalista doveva terminare la sua intervista.

Lucia e la giornalista quindi si alzarono e salutarono il pubblico con un inchino e uscirono dal palco, accompagnati dall’ovazione della sala.

“Siamo tutti figli d’arte!”, gridò Lucia rivolgendosi al pubblico per l’ultima volta elargendo baci a destra e a sinistra con la mano delicata.

Quando furono nel corridoio, Lucia si rivolse, abbracciandola, alla giornalista.

“Sei stata fantastica, grazie, sei proprio una sorella!”

“Sono tua sorella, Lucia”.

“Sì, ma non ti sei comportata da sorella. Sei una grande giornalista”.

“Lucia, ho fatto  solo il mio lavoro”.

 Lucia la guardò sorridente, come il solito la sorella si occupava di tutto, e con riconoscimento l’abbracciò: era bellissimo essere al festival, alla fine sembrava proprio una riunione di famiglia!

 

ATTACCO ALLE CENTRALI DEL LUSSO!

C’è la crisi, c’è la crisi e si avvicina Natale ed io mi sento acquatica oggi, con Chioggia in affondamento come Atlantide ed io potrei esserne la sirena (…dell’acqua alta).

Tutto prende luce attraverso la pioggia che fa risvegliare antiche passioni e la rabbia che affonda, affonda in piccoli gorghi, per poi risalire più grossa e impetuosa. Il mondo ora potrebbe rinascere.

Ho scritto  qualche mese fa questo racconto che non volevo pubblicare, ma questo è il mio modo di gridare che non è giusto che la crisi venga pagata da chi non ha nemmeno mille euro al mese per sopravvivere e c’è chi va a scegliersi le parure da qualche gioielliere di lusso.

Io allora racconto:

 

ATTACCO ALLE CENTRALI DEL LUSSO!

                                                  

Attacco alle centrali del lusso!

 

di Giulia Penzo

 

Katia era demoralizzata. L’ingresso del centro sociale non era tanto allettante e la cancellata che lo separava dal resto del mondo era sghemba e arrugginita e non lasciava intuire niente di buono. Il giardino poi raccoglieva erbacce incolte anch’esse bruciate dal sole come la grande scritta scolorita sul muro bianco e scrostato della bassa struttura. Katia si fece coraggio ed entrò. Lo stanzone era buio nonostante fosse circondato da ampie vetrate. Dodici occhi si girarono a guardarla con attenzione: una ragazza magra e bionda, con i capelli lisci che le accarezzavano le spalle e due grandi occhi azzurri, di quelli che uno ci si perde dentro con  la pelle ambrata di chi sta sotto il sole, si intuiva dalla canottiera bianca che lasciava scoperte le spalle.  Era vestita come una qualsiasi ragazza nel periodo estivo, ma le gambe magre ossute coperte da minuscoli pantaloncini rosa spiccavano ancor più dallo slancio che gli innaturali zoccoli gialli dal tacco altissimo le conferivano. Katia odiava le scarpe basse. Aveva con sé una grande borsa a tracolla piena di fogli.

« Ciao » le dissero un paio di occhi neri attraverso una frangetta unta e nerastra.

« Ciao » rispose Katia al ragazzo che se ne stava con le gambe incrociate fumandosi pacatamente una canna.

« Vuoi? » il ragazzo le passò la sigaretta in segno d’offerta.

« Non fumo, mi dispiace » si scusò Katia per la finta scortesia. L’altro fece spallucce e consegnò la canna all’amico a fianco.   

« C’è qualcuno con cui posso parlare? Vorrei partecipare a qualche vostra attività » disse Katia, facendosi forza.

« Non credere che stiamo sempre qui a fumare…eh?! » con garbo le rivolse la parola un piccoletto dai capelli lunghi scomposti e la fronte vivace, « Ce ne stiamo qui tranquilli perché abbiamo appena finito di mettere a posto questo stanzone e siamo distrutti dalla stanchezza. Il comune non ha fatto storie ed è diventato nostro, noi ci paghiamo la luce e facciamo le pulizie: quelli con noi sono spilorci, non siamo mica come quei ciellini che a loro passano anche la cartaigienica! ».

« Sì, lo so che gli hanno dato la scuola che era stata costruita per il quartiere » rispose Katia, anche lei, delusa dalla giunta municipale che aveva concesso l’uso di una nuova struttura del quartiere a quelli di comunione e liberazione e questi ci avevano fatto una scuola privata per loro uso e consumo, pagando una cavolata di affitto: altro che occupazione di centro sociale!

Katia, animata da quella piccola condivisione, con coraggio tirò fuori dalla borsa i suoi scritti: « Sto facendo una tesi sugli strumenti di partecipazione del cittadino alle scelte politiche della città ».

I sei la guardarono sorridendo: « Ehi, ma chi sei? Biancaneve? Bimba, qui non ci vuole una tesi per dimostrarlo! » a dirlo con ironia fu un ragazzo che se ne stava abbarbicato allo stipite della porta come se fosse sostenuto da un filo invisibile. I capelli rossicci e mossi si muovevano come di moto proprio e la sua altezza sovrastava di mezzo metro quello di Katia, tanto che le venne da pensare che se qualcuno avesse avuto cattive intenzioni in quel momento, per lei non ci sarebbe stata alcuna speranza di difesa. Brava stupida a venirci da sola in un simile ambientino: ci fosse stata almeno qualche altra ragazza!

Katia si rivolse a loro: « Pensavo che qualcuno di voi mi avrebbe potuto dare qualche buon suggerimento e aiuto per questo lavoro, ma vedo che siete indaffarati…» e, detto così, fece per andarsene rimettendo alla rinfusa i fogli dentro la borsa.

Sentì la voce di qualcuno: «Aspetta, dai, Cencio non sa esprimersi al meglio, però credo che tu l’abbia colpito favorevolmente e poi qua abbiamo bisogno di idee nuove e di aria nuova ». In effetti, il profumo di Katia già si stava diffondendo per il capannone. Un profumo che aveva pagato tantissimo: una costosissima boccetta di profumo di YSL, una fragranza dolce e frizzante che aveva pagato con piacere. Non si addiceva all’aria del centro sociale, ma lei amava solo profumi di classe e non si sarebbe mai accontentata di un misero deodorante; non era schizzinosa, era abituata a stare con arie peggiori di quella presente in quel momento, fatta di muffa, corde umide e sudore maschile. 

« Bene, ci troviamo stasera? » incalzò allora Katia, ben contenta che le cose stessero procedendo come nei suoi piani. I sei ragazzi si guardarono. Quello rosso di capelli, appoggiato immobile alla porta, il Cencio, la guardò: « Ok, a che ora? »

« Alle nove, dopo cena se vi va bene e avvisate qualcun altro che ne parliamo insieme; mi interessa la vostra opinione » rispose Katia che gli si avvicinò repentinamente, aprendo la porta e facendolo quasi cadere. Cencio la guardò di traverso, ma gli altri con un gesto lo rabbonirono.

« Va bene allora, a stasera », la salutò quello con la fronte vivace e lei se ne andò, voltandosi per vedere la nuvola di fumo che scivolò insieme con lei veloce fuori della porta. Il portone si richiuse clandestinamente mentre nei due occhi neri del ragazzo rimaneva sofferma l’immagine delle dolci caviglie della ragazza.

I sei ragazzi continuarono a fumare come se niente fosse successo; fu Zucchero a cominciare a parlare: « Voi che ne dite? Ci dobbiamo fidare? ».

« », rispose Bello, quello dalla fronte vivace. E tutti gli altri se ne stavano zitti. Quando Bello diceva sì, il sì era per tutti.

Katia richiuse alla meglio il cancello sghembo. Si sentì più leggera e fresca, nonostante il sole picchiasse forte e la temperatura in quello spiazzo raggiungesse sicuramente i 45°.  Gli zoccoletti la facevano ballonzolare delicatamente da una gamba all’altra, un su e giù armonioso che le conferiva la grazia di una ballerina. Chiunque l’avesse vista in quel momento non le avrebbe dato più di quindici anni, anche se lei ormai ne aveva ventiquattro; un balenio negli occhi azzurri e una zufolata di vento caldo le fece arretrare i capelli sulla nuca lasciando il viso scoperto e nudo tale che avrebbe spaventato chiunque nella sua durezza e determinazione. Salì sulla sua vecchia rover: il caldo non lasciava scampo e il sudore le cominciava a colare dal collo sulla schiena. L’aria condizionata era solo un ricordo e i sedili della macchina erano di un tessuto morbido untuoso che dopo tredici anni di peregrinazioni non lasciavano scampo: avevano esaurito il loro stile ed erano ormai qualcosa di informe e grigio, una gabbia di calore per il corpo del povero guidatore. Arrivò a casa che pareva avesse fatto la doccia.

« Caldo, eh? », la accolse la mamma, quando Katia si affacciò alla porta. Ormai sua madre riconosceva il rumore della macchina parcheggiata sotto casa e il ticchettio degli zoccoletti della figlia. Katia si rovesciò indietro i capelli e se li raccolse in una lunga coda: a casa odiava portare i capelli sciolti. « Vuoi qualcosa da bere? », sua mamma le rovesciò un bel bicchiere di limonata fresca zuccherata. « Sì, mamma » rispose Katia esausta.

 « Allora come procede la tua tesi? » le chiese sua madre, mentre lei si era tolta la canottiera inzuppata e se ne stava con la schiena attaccata al ventilatore della cucina che, essendo all’ombra, era il luogo più fresco di tutto l’appartamento. « Procede…oggi ho fatto un’altra intervista.», le rispose sfuggente Katia. Povera mamma, si preoccupava sempre che lei fosse tranquilla. La guardò dolcemente: i capelli rigonfi sottili sulla piccola testa ovale e gli occhiali le conferivano un’aria dolce e serena. Una donna che era stata sempre mamma. Così per tutta la vita. Certe volte l’odiava: come mai non si era mai ribellata? Cosa era stata la sua vita? Lei sempre contenta, con il marito operaio in fabbrica.

« Mamma, sei bellissima », le disse Katia. Sua madre la guardò felice: « Sì, oggi mi sono fatta la piega dalla parrucchiera, si vede allora? ». « Sì mamma » mentì con piacere Katia. Sua mamma era, in effetti, davvero bella, ma più che bella era la sua mamma, un tesoro che nessuno al mondo avrebbe mai potuto ripagare nella sua bellezza, un rifugio di riposo dal mondo, qualcosa che ti determinava nel valore della tua esistenza.  Presa da un moto di tenerezza le ridisse: « Mamma, oggi sei più bella ».

« Sì, è vero, questo colore mi dona molto; vediamo se tuo padre se ne accorge stasera. Sai chi ho visto oggi dal parrucchiere? La mamma di Paola. Mi ha detto che adesso Paola lavora in ufficio in comune »,  le disse la mamma con fare finto noncurante. « Sì lo so», le rispose Katia. Sapeva che per sua madre un posto sicuro in qualche ufficio comunale sarebbe stato un sogno di serenità per il futuro della figlia.

« E tu? Tu hai fatto il liceo classico, tra poco ti prendi la laurea e adesso? Che fai? Non potresti fare anche tu qualche concorso? Vuoi vedere che queste qua sono più intelligenti di te e riescono meglio di te nei concorsi? »,  incalzava sua madre, che assurda! Cominciava la tiritera dei concorsi e delle amiche già sistemate.

« Mamma, devo uscire presto stasera…» le rispose Katia, cercando di tagliare il discorso e dirigendosi verso la sua camera.

 « Tu non mi ascolti. Le altre vanno avanti e tu rimani a guardare: possibile che una ragazza come te…» sua madre cominciava a diventare stressante.

« Mamma, non ti preoccupare che se voglio trovo subito un lavoro. È che voglio un certo tipo di lavoro, capiscimi.» la tranquillizzò Katia. Ma sua madre non aveva pace, il posto sicuro nella pubblica amministrazione rappresentava per lei una sicurezza per la vita e forse Katia l’avrebbe rimpianto, quando si sarebbe sposata e avrebbe avuto dei figli: una mamma le sa già queste cose.  Katia si rintanò nella camera, prima che sua madre potesse riattaccare la tiritera del posto sicuro. Le tende rosate lasciavano penetrare nella stanza una luce rossastra. I mobili ormai grigi anche se ben curati facevano intuire il bianco splendente del bel tempo andato: ai muri aveva attaccato qualche diploma e medaglie dei giochi sportivi a scuola, tutte gare di salto in alto nelle quali con la sua agilità e velocità riusciva a raccogliere qualche vittoria. Un dono di natura che forse se fosse stato coltivato avrebbe rivelato qualche talento sportivo, ma Katia non amava la fatica e, faticare per lo sport, questo proprio non l’avrebbe mai fatto. Si guardò intorno nella miseria del suo arredo. Qualche mobile claudicante, legno da quattro soldi, un materasso vecchio quanto la sua età e le coperte rosa. Belle tende di un delicato rosa simile a petali. Di buona qualità, di buona qualità certo, perché bisognava, secondo la teoria di sua madre, spendere soldi per delle belle tende. Peccato che i soldi che avevano a disposizione non permettessero comunque mai di prendere le tende che veramente loro avrebbero scelto e così per qualsiasi mobile lì in quella casa e per i vestiti e per la macchina e per tutto. Tutto non era quello che avrebbero voluto, ma il massimo che potevano spendere con i loro soldi, sempre miseramente pochi.  L’inutilità delle cose che si dimostravano incessantemente utili nel loro desiderio di impossibile bellezza. Ah, era un dolore atroce non poter godere di quella bellezza che tutti cercano nelle cose! Il desiderio dell’arte non era altro che la fugace ricerca di immortalare qualcosa che fatalmente sarebbe degradato nel tempo se non immortalato, se non colto nel preciso istante del suo fiorire, una nascita continuamente immortale. Lei lo avrebbe voluto, nei tessuti che la circondavano, nei mobili che la accoglievano, nei poster inutili che ricercavano di ripetere strenuamente e senza coraggio un tentativo creativo; il trash artistico non era forse destinato a soccombere nell’impotenza di restituire la bellezza alla povertà?

Si addormentò, immersa nella calura estiva, mentre il calore le confondeva il sogno con la realtà: si immaginò, mentre camminava a piedi nudi per una strada deserta, e d’un tratto, attraverso una piccola via immersa nella vegetazione, che si elevava improvvisa, si incamminò decisa verso il mare che echeggiava delle onde che si frantumavano sulla spiaggia. Pochi passi e sentiva già il vociare delle donne e degli uomini felici che si bagnavano nel mare. Anche lei avrebbe voluto avventurarsi, ma il frastuono delle onde si mescolava al rumore dei tuoni che si sentivano minacciosi nel cielo. Nuvole nere avanzavano rapidamente verso di lei. Poi un raggio di sole improvviso, una fiumana di calore silenzioso e tutte le voci come mute si acquietarono. Gli occhi scrutavano nello sguardo l’uno dell’altro il timore che si ergeva all’orizzonte: un turbine di acqua e aria che girava vorticosamente e che trascinava tutto con sé. La tromba d’aria girava velocemente e Katia era cosciente del pericolo, ma dove fuggire? Guardò alle sue spalle, c’era un edificio, un’enorme lussuosa villa bianca, forse l’unico rifugio prima di essere inghiottita dal turbine nero che velocemente si dirigeva verso di lei.

Si mise a correre, insieme alla fiumana di gente impazzita, che gridava sconvolta alla ricerca di un riparo. La villa si stagliava bianchissima nel nero delle nuvole, e un raggio di sole penetrò la loro coltre colpendo l’inferriata lucente che separava la villa dal tumultuoso paesaggio. Non sarebbe mai riuscita ad entrare in quella villa. Il terrore le impediva ogni pensiero al di fuori dell’azione. Doveva muoversi, ma non sapeva cosa fare. La paura, era questa che le impediva il pensiero. Movimenti insani. Si svegliò di soprassalto con l’ultima immagine di un’onda gigantesca che si andava ad abbattere su di lei. Era appoggiata sul bordo del letto e per poco non cadde. Guardò distrattamente l’orologio. Le otto e mezza! Doveva correre per non tardare proprio al primo appuntamento con gli amici del centro sociale. Maledì quel sogno per il tempo perduto inutilmente e per l’angoscia che le aveva lasciato, come un vago presentimento negativo.

Lo stanzone era ancora più brutto di come lo aveva ricordato quel pomeriggio. Già la aspettavano. Erano in sette, sei ragazzi, gli stessi del pomeriggio, e una ragazza di trent’anni, forse, perché gli occhiali e i ricci che le ricadevano disordinatamente sul volto non lasciavano intravedere granché. Una strana bocca sottile incurvava il labbro all’ingiù, segnato da una piccola sottile cicatrice. Una caduta infantile le aveva rovinato per sempre il sorriso. Qualche volta Carmela, così si chiamava, avrebbe avuto la tentazione di un piccolo intervento estetico, ma guardandosi allo specchio, crescendo, aveva riconosciuto in quel patetico sorriso la vera immagine della sua anima sarcastica e pessimista, sicché nella sua impossibilità di esprimersi al mondo, quel sorriso rappresentava per lei l’arma migliore per una denuncia continua, la denuncia della sua sfiducia nei confronti del mondo e della sua storia.

«  Carmela » si presentò la ragazza, alzandosi dalla sedia e porgendo la mano a Katia. Katia si sentì sollevata, non era l’unica donna in quella stanza. Nessuna soggezione, ma percepiva comunque dall’odore di quei ragazzoni che in loro permaneva un normale eccitamento sessuale. Erano animali istintivi, anche se sedati dalla razionalità del luogo. Avere un’altra donna vicino le permetteva di non impressionarsi dei tentativi di seduzione provenienti da quei figuri e di concentrarsi sul lavoro che si proponeva di portare avanti.

«  Bello, …, a proposito, il vero nome di Bello è Gianmaria… poco serio come nome, vero? E’ per questo che lo chiamiamo Bello e d’altra parte non potevamo chiamarlo altrimenti visto il resto della compagnia » disse Carmela, che introdusse il discorso e ricevette un’occhiataccia da parte di tutti, «  Fatta eccezione per Cencio, alias Nicola, che con i suoi capelli rossi fa stendere tutte le donne ai suoi piedi. Dai, Bello, fai tu l’accoglienza a Katia e spiegale il nostro programma, quello che stiamo facendo e che dovremmo fare ».

Bello, ossia Gianmaria, cominciò: « Katia, ti ringrazio per essere qui con noi. Non è facile iniziare un’attività di questo tipo, cioè aprire, e tentare di far rimanere aperto un centro sociale non è qualcosa da poco. Abbiamo continuamente bisogno di soldi e per questo vivacchiamo anche della musica grazie ad un gruppo da noi composto che strimpella in qualche serata organizzata dai centri sociali della nostra regione, con i quali lavoriamo in rete. La rete non è solo un nostro modello organizzativo reale ma anche il nostro modello virtuale. Attualmente ci siamo trovati per parlare del significato della questione Dal Molin di Vicenza contro la costruzione della nuova base Usa; e per discutere, fare iniziative ed azioni per difendere la terra da un futuro senza basi militari sul nostro suolo nazionale. Parole come democrazia, anche in un centro sociale acquistano un nuovo contenuto. Tu ne sai qualcosa? Ti interessa? ».

« Ho seguito la questione attraverso i giornali, ma ormai pensavo fosse una questione risolta, ossia la base militare sembra si faccia, nonostante il governo di centro-sinistra » rispose Katia senza particolare enfasi. Si sentiva come una scolaretta cui erano poste le domande più imbarazzanti per coglierla in fallo. Il Bello occhieggiò i compagni, e continuò: « Noi non facciamo teorie, noi mettiamo la pratica al centro dell’azione » disse con particolare enfasi il Bello. Katia si lasciò ondeggiare all’indietro nella sedia, rovesciando i capelli in un gesto voluttuoso che lasciò svaporare il buon profumo per l’aria. Per un attimo riuscì a catalizzare l’attenzione di tutto il gruppo e allora con mossa repentina riondeggiò verso il tavolo sfidando a viso aperto i presenti: « Pratica? Pratica di che? Ma non vi accorgete di essere patetici nelle vostre azioni? Qualche vetrina rotta in qualche inconcludente corteo: è questa la vostra pratica?  Un cartellone a San Precario dovrebbe risolvere i problemi della precarietà dei nostri concittadini, quando i sindacati non sanno nemmeno più la ragione per la quale sono nati e investono i soldi dei lavoratori in fondi che non si conosce quale mercato alimentino. I nostri salari sono i più bassi d’Europa e noi andiamo ai cortei a gridare basta precarietà: io non vorrei mai un lavoro da quattro soldi, che se li tengano, preferisco fare la morta di fame che vivere inchiodata come operaia per tutta la vita! », dicendo questo tirò fuori della borsa quattro giornali di gossip, «  Guardate, guardate: noi a gridare e loro a mangiare… » e indicò una serie di vip, tra politici e uomini di spettacolo, con qualche bella ragazza a fare da contorno, come un piatto gustoso, « …loro a fare la bella vita, a sperperare i soldi che non guadagnano ma che rubano, perché il lusso è ruberia, è ruberia alla gente che lavora onestamente, a mio padre e a mia madre che hanno sgobbato una vita. Il lusso è ruberia nei confronti dell’arte, perché è l’arte elevata alla potenza dell’inutile, è sproloquio dinnanzi ai filosofi che amano la vita nell’essenza, forma e sostanza; il lusso è quello che solo pochi possono avere, quando molti non hanno nulla. Se la propaganda del capitale è quella di ostentare il lusso e lo sfarzo per pochi, allora che il lusso sia di tutti! ».  Qui Katia fece una lunga pausa: «  Vi ho portato questo » dalla borsa uscì un volantino, sul quale spiccava l’acronimo ACDL . « Ve lo spiego » disse Katia agli occhi increduli, << ACdL è un acronimo e sta per Attacco alle Centrali del Lusso! E questa sarà la nostra prossima Azione. »

Carmela si alzò in piedi dinnanzi a Katia: « Stai scherzando? Vieni qua, non ti conosciamo e vuoi propinarci qualche teoria da quattro soldi, quando noi siamo anni che ci conosciamo e che ci fidiamo l’un dell’altro? Abbiamo lavorato sodo per avere questa sede e tu vieni a dirci che non lavoriamo più in rete assieme agli altri compagni con i quali ormai abbiamo rapporti da anni, che ci stimiamo? E per cosa poi? Per il lusso, quando c’è gente ancora che non arriva alla fine del mese per mangiare? ».

Katia la guardò risoluta. Aveva intuito in Carmela non tanto il dubbio su quello che Katia aveva detto, quanto piuttosto la ricerca di una conferma che quello che lei diceva avesse un supporto teorico e quali conseguenze comportasse a livello pratico. Katia confidava in quella donna e già la amava perché era donna. No, Katia non era lesbica, ma amava le donne per com’erano, così belle perché lei in tutte trovava una bellezza, quella bellezza che solo la natura può dare nella sua imprevedibilità. 

Carmela sarebbe stata la giusta compagna.

Katia riprese a parlare: « Tirare la cinghia, stringere i denti…qualcuno ha già affermato che “ci sono certe ricchezze che gridano imbecille all’uomo onesto”…, e voi siete gli onesti, ma sono questi », e indicò con veemenza, sbattendoci sopra il pugno, le facce sfigurate dagli interventi estetici e dai sorrisi stravaccanti dei politici e delle donne in vestiti succinti sulle poltrone lussuose di una villa bianca che si scorgeva dalle foto patinate della rivista, «  Sono questi che si godono i beni alle spalle degli onesti lavoratori, quelli per cui lottiamo una misera vita di povertà senza godere delle gioie e della bellezza dell’arte! ».

Tutti rimasero in silenzio. Katia li guardò e aspettò che iniziassero a parlare, ma vide nei loro occhi la mancanza di qualsiasi decisione, perciò si alzò in piedi, prese con irruenza le riviste sul tavolo e fece per andarsene.

Fu quasi alla porta, mentre con le spalle girate stava dando loro l’ultimo addio che all’unisono le rivolsero un: «  Aspetta…, fermati! Pensiamo…».

 

                                                                    ———————–

 

 

La bella ragazza mora dai capelli lisci corvini posò sul tavolino il cellulare, non le sembrava vero, quell’uomo politico – così le era stato detto – che aveva conosciuto per caso alla festa della sera precedente nella villa del suo promotore, mandava qualcuno a prenderla direttamente a casa per portarla lì, oddio! Roba da non poter dire niente a nessuno ma da gridare al mondo, se avesse potuto. Diede uno sguardo veloce alle calze velate che le fasciavano le lunghe gambe. La gonna stretta di pelle nera l’avvolgeva sensualmente come una dolce caramella di liquirizia. Un ultimo tocco veloce al trucco e guardò impaziente la strada per scorgere la macchina: era un’importante occasione per il suo lavoro futuro come valletta televisiva, doveva fare una buona impressione a quell’uomo, doveva essere “gentile” con lui, le aveva detto il suo manager, e lei doveva essere minuziosamente perfetta. C’era poco da capire: lui dopo qualche gentilezza avrebbe utilizzato le sue conoscenze per infilarla in qualche programma televisivo. Sentì un campanello alla porta. Ah, finalmente, erano arrivati a prenderla! Aprì con il sorriso a trentadue denti, una bocca perfetta. Su quella bocca le arrivò il sapore dolciastro del cloroformio e l’ultima immagine che ricordò al risveglio fu il sorriso dell’altra, un po’ sarcastico, di quella ragazza alla quale aveva aperto la porta.

L’autista della macchina blu si fermò poco distante dal palazzo, dal cui portone uscì poco dopo la ragazza dai capelli corvini. I grandi occhiali le nascondevano quasi integralmente il volto, dai lineamenti raffinati, quasi da bionda, lui aveva pensato. Aveva gambe bellissime, e un pensiero di comprensione maschile gli vagò nella testa assieme ad uno sdegno per quel corpo svenduto a quel misero uomo che era il suo capo, un uomo politico da poco salito nelle sale del potere esecutivo. Il pensiero che potesse essere sua figlia, vista l’età della ragazza, lo relegò in un angolo del suo cervello. L’accompagnò in silenzio, non sapeva che dire, fino al grande palazzo bianco. Lui avrebbe onorato qualsiasi persona fosse entrata lì dentro. Katia nel suo travestimento si sentiva a proprio agio; avevano velocemente spogliato la ragazza, lei e Carmela, dopo averla addormentata e lei aveva preso il posto di quella bella ragazzotta, indossando i suoi vestiti e salendo al posto suo nella macchina che avevano mandato a prenderla. « La porto dentro, mi segua », le parole dell’autista svegliarono Katia dai suoi pensieri. Entrarono nel parco auto e, scesi dalla macchina, l’autista la condusse sicuro attraverso le ricche sale spaziose e i corridoi del palazzo fin quando arrivò alla porta dell’ufficio del suo capo. La ragazza entrò e l’autista se ne tornò al parco macchine.

La ragazza corvina ammirò la bellezza della stanza, gli oggetti di grande importanza storica affissi alle pareti e guardò il piccolo ometto che con fare sussiegoso le corse incontro ad accoglierla: un minuscolo uomo che non conosceva il valore di ciò che lo attorniava, uno spreco irrisolto cui bisognava dare una soluzione. Guardò il bellissimo quadro dal sole giallo che si stagliava sul muro dinnanzi a lei, e a questo dedicò il suo gesto.

L’autista aveva ricevuto l’ordine di aspettare la ragazza dopo un’ora e di riportarla a casa. Ma quando dopo due ore si stancò di aspettare, decise di andare in ufficio per ricordarlo al suo capo. Forse troppa voglia da sfogare, pensò: quella ragazza ci sapeva fare…Trovò la porta semi accostata, dall’esterno non si sentiva alcun rumore e la curiosità lo spinse ad entrare.

Una folata di caldo profumo uscì dalla stanza e quello che vide, dopo quasi trent’anni di lavoro, se lo ricordò per la vita…

 

 

Il giorno seguente campeggiava sui giornali:

GIALLO ALLA FARNESINA

Sparito il famoso quadro di De Chirico: ferito il portavoce del vicepremier forse nell’estremo tentativo di opporsi al furto.

Una strana scritta trovata accanto al suo  corpo: ACDL!

 

 

Quella sera la camera di Katia fu illuminata da un grande sole giallo appeso alla parete.

 

ADESCHIAMO I DIRITTI- ROMA 13 DICEMBRE

 

Inserisco questo post relativo alla manifestazione di domani 13 dicembre a Roma contro il ddl Carfagna tratto dal blog Adeschiamo i diritti 

FONTE:  http://adeschiamoidiritti.noblogs.org/

ADESCHIAMO I DIRITTI- ROMA 13 DICEMBRE 2008

Dalla presentazione del Disegno di Legge Carfagna sulla prostituzione e con le ordinanze di tanti Sindaci in Italia si è creato un pericoloso clima di intolleranza verso tutte le persone che si prostituiscono. Insieme al ddl si sono avviate campagne politico-mediatiche per alimentare l’allarme sociale e la paura dei cittadini. Sulle persone socialmente «deboli» (della cui sicurezza non ci si preoccupa), si vuole oggi indirizzare l’insicurezza e la paura della gente facendole diventare il capro espiatorio su cui sfogare le frustrazioni di un Paese che sta impoverendo in tutti i sensi.
La «sicurezza» sta diventando l’abbaglio e il pretesto per escludere e discriminare i più «deboli», i «diversi» e gli «stranieri», nei confronti dei quali sono aumentate aggressioni, violenze, discriminazioni che si fanno passare come normali, endemici e scontati atti di violenza metropolitana, sottacendone l’origine razzista, sessista, omo-transfobica.
Sulla paura e sull’insicurezza si sono costruite campagne che non risolvono ma ingigantiscono i problemi, dei quali si continua a non considerare le cause cercando semplicemente di eliminare gli effetti per mezzo della ricetta più semplice, quella di nascondere.
Esattamente quello che si sta  tentando di fare con la prostituzione: renderla invisibile.

Ma in questo modo non si tutelano i diritti di nessuno. In questo modo si riducono i diritti di tutti:
•    il ddl Carfagna sulla prostituzione non tiene assolutamente in considerazione l’esperienza di tutte quelle persone (trans, donne, uomini) che hanno scelto liberamente di vendere prestazioni sessuali, né risponde ai bisogni delle persone che esercitano la prostituzione per vivere o sopravvivere. Le emargina soltanto, senza neppure offrire una alternativa;
•    inoltre, contrariamente a quanto afferma il Governo, il ddl aggrava la condizione di chi è sfruttato ed è vittima della tratta di esseri umani, fenomeno molto frequente, che riguarda moltissime persone straniere che si prostituiscono in strada, spingendo le persone nel sommerso di appartamenti e locali, rendendole irraggiungibili e completamente sotto il controllo degli sfruttatori;
•    infine, il disegno di legge non renderà i cittadini più sicuri, poiché la sicurezza si costruisce innanzitutto creando condizioni di benessere diffuso, di convivenza pacifica, di rispetto, di pari opportunità, di diritti per tutti e non spingendo al chiuso e nei ghetti fenomeni sociali e persone che fanno parte della nostra società.  

Questo ddl  attacca i principi di libertà garantiti dalla Costituzione, priva  di diritti le persone che esercitano la prostituzione, minaccia seriamente la loro salute e la loro sicurezza, non tutela l’incolumità delle vittime di sfruttamento, non permette di portare avanti i servizi che da anni operano attività di riduzione del danno e di prevenzione sanitaria che da sempre garantiscono il diritto alla salute dell’intera comunità (contatto, informazione, sensibilizzazione ed accompagnamento che svolgono gli operatori sociali direttamente in strada con le persone che si prostituiscono). Questo ddl rischia inoltre di depotenziare il sistema di tutela e assistenza delle vittime di grave sfruttamento e tratta di persone, che pure rappresenta un punto di eccellenza dell’Italia nel panorama internazionale: le vittime non avranno più accesso ai programmi di aiuto poiché non potranno essere più contattate dalle unità di strada, ed anche per le forze dell’ordine il contatto sarà più difficile.
Ci opponiamo al ddl perché crediamo che le persone debbano essere:

•    LIBERE DALLA VIOLENZA
a cui  vuole condannare il ddl Carfagna costringendo le persone ad esercitare la prostituzione al chiuso, dove è più difficile difendersi dalla violenza e dove aumenta la precarietà.
Il ddl non considera il fatto che chi si prostituisce non commette reati contro terzi ma spesso li subisce (violenze, stupri, rapine, sfruttamento, riduzione in schiavitù); non considera inoltre che violenza, sfruttamento, riduzione in schiavitù già sono presenti in una parte della prostituzione al chiuso esercitata negli appartamenti o tramite i locali notturni.
Il ddl inoltre, in evidente violazione degli obblighi costituzionali ed internazionali assunti dallo Stato italiano relativamente alla protezione dei minori,  prevede il rimpatrio forzato delle persone minorenni non italiane che si prostituiscono, costringendole a tornare nei luoghi dai quali sono fuggite. Questo significa molto spesso immettere una seconda volta le vittime nel circuito dello sfruttamento e in una condizione di vulnerabilità ancora maggiore.

•    LIBERE DI POTER ACCEDERE E DI USUFRUIRE DI SERVIZI E OPPORTUNITA’
mentre invece il ddl Carfagna – con il suo estremismo securitario e la sua impostazione esclusivamente repressiva –  toglie ogni prospettiva futura per chiunque voglia abbandonare la prostituzione. Le persone trafficate vedranno ridotte drasticamente le loro possibilità di accedere ai programmi di assistenza e protezione sociale in quanto sempre più irraggiungibili dagli operatori sociali ma anche dalle forze dell’ordine, che verranno viste come nemiche anziché come un punto di riferimento. A chi esercita la prostituzione per mancanza di alternative e a causa della discriminazione (si pensi alle transessuali), non viene offerta alcuna alternativa, nessuna misura di supporto all’inclusione sociale e all’inserimento lavorativo.

•    LIBERE DI SCEGLIERE
mentre il ddl Carfagna non tiene in considerazione il fatto che la prostituzione possa essere una scelta, né garantisce aiuto alle vittime di tratta e sfruttamento, né offre alternative a chi vorrebbe abbandonare l’attività prostitutiva ma ha bisogno di un sostegno.

•    LIBERE DAL PREGIUDIZIO
mentre il ddl, criminalizzando la prostituzione, aumenta lo stigma e il pregiudizio verso chi la pratica, esponendo le persone a violenze, persecuzioni, discriminazioni e maggior emarginazione.  

•    LIBERE DI AGIRE
mentre il ddl, per salvaguardare il «pubblico pudore», impone norme di comportamento a tutte e tutti. In questo modo si limita la libertà, l’autodeterminazione e  si ledono i diritti.

Per tutti questi motivi stiamo promuovendo un evento pubblico a Roma per il 13 dicembre 2008 e ci auguriamo di poter contare sulla più ampia partecipazione.
Un evento che veda insieme le persone che si prostituiscono, gli operatori sociali, la cittadinanza, personaggi del mondo dello spettacolo e della cultura. Una manifestazione per i Diritti e per la Libertà di Scegliere.

Per aderire all’iniziativa nella qualità di enti sostenitori, siete pregati di scrivere alla seguente mail: adesione13dicembre@gmail.com     

Questo è l’elenco degli enti promotori:

–    ARCI
–    ASGI
–    Associazione Cantieri Sociali
–    Associazione Giraffa
–    Associazione  Libellula
–    Associazione NAGA
–    Associazione  On the Road
–    Associazione radicale Certi Diritti
–    CNCA – Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza
–    Comitato per i Diritti Civili delle Prostitute
–    Consorzio di cooperative sociali “GESCO Campania”
–    Coooperativa Sociale Dedalus
–    Coordinamento transessuale “Silvia Rivera”
–    Gruppo Abele
–    La strega da bruciare
–    MIT – Movimento di Identità Transessuale
–    PIAM onlus
–    Provincia di Pisa
–    Rivista Carta

–    Sexyshock

–    Ufficio Pastorale Migranti Piemonte

E’ Natale…

Basta essere cinica. Buia, trucida, spenta, ironicamente poco attinente alla realtà. E’ Natale ed è inutile soffermarsi sulle inezie. Mi concederò pazzie come ogni Natale, e piangerò irrimediabilmente mentre guarderò i film di Chaplin.

Un grande artista, senza parole, un grande artista senza parole.

E’ Natale, per me, anche con Charlie Chaplin.

Giornata internazionale delle persone con disabilità: peccato che non sia riconosciuta dal Vaticano

Sigh!, perché il Vaticano non approva la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità? L’Italia aveva già firmato la Convenzione ancora con il Ministro Ferrero nel marzo 2007 insieme a una 50na di paesi. Allora perché il Vaticano non approva la Convenzione?

Una risposta l’ho trovata su www.radiovaticana.org di cui vi riporto un pezzo significativo per farsi un’idea delle motivazioni.

  

qui riporto il testo dell’intervista:

fonte: www.radiovaticana.org

Giornata internazionale delle persone con disabilità

 “….Nel maggio scorso è entrata in vigore la Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità. La Santa Sede pur appoggiando nel suo insieme la Convenzione non l’ha firmata a causa di un articolo che potrebbe prevedere l’aborto dei feti di potenziali disabili. …
…In una intervista rilasciata alla nostra emittente il 14 dicembre di due anni fa mons. Celestino Migliore, rappresentante vaticano presso l’Onu, spiegava i motivi per cui la Santa Sede non poteva firmare la Convenzione: “E’ tragico – affermava – che … la Convenzione creata per proteggere le persone con disabilità da ogni discriminazione nell’esercizio dei loro diritti può essere usata per negare il basilare diritto alla vita di persone disabili non nate”. Ascoltiamo in proposito il prof. Francesco D’Agostino, presidente dei Giuristi cattolici e presidente onorario del Comitato nazionale di bioetica:

 
R. – Il problema è che attraverso delle dichiarazioni internazionali, ragionevolissime nella loro finalità, si cerca di introdurre una nuova categoria di diritti – assolutamente discutibili e in certi casi obiettivamente riprovevoli. Una cosa è garantire i diritti degli handicappati come quelli di tutti i cittadini; altra cosa è, per prevenire l’handicap, invece di adottare strategie terapeutiche quella di sopprimere eugeneticamente, prima della nascita, i feti portatori di handicap. In questo senso, l’opinione pubblica non è stata informata e non ha capito che, attraverso la pur nobile proclamazione dei diritti degli handicappati, si sta cercando di introdurre – o già si è introdotta – una legittimazione della eutanasia eugenetica prenatale….per leggere tutto: http://www.radiovaticana.org/it1/Articolo.asp?c=249537

 

Io non ho capito granché anche perché nella Convenzione si parla di:

Articolo 10

Diritto alla vita

Gli Stati Parti riaffermano che il diritto alla vita è connaturato alla persona

umana ed adottano tutte le misure necessarie a garantire l’effettivo

godimento di tale diritto da parte delle persone con disabilità, su base di

uguaglianza con gli altri.

 

MATRIMONIO OMOSESSUALE

AHI AHI, poveri gay e lesbiche, il Vaticano proprio non vuole che si sposinoCapirei l’accanimento se gli omosessuali fossero contrari al matrimonio. E invece no, sognano una vita tranquilla tra marito e moglie (indipendentemente dal sesso del marito e della moglie) come tutti gli altri poveri cristiani.  E avere figli a go go. Insomma tutto ciò che desidera anche la Chiesa, quindi non riesco a capire dove sia il nocciolo dell’incomprensione.

Forse perché la procreazione non sarebbe possibile all’interno del matrimonio?

Ma la procreazione è solo uno dei tanti motivi per cui una coppia decide di costituirsi come famiglia, e la famiglia è tanto di più se pensiamo all’AMORE.

fonte: www.repubblica.it 

CITTA’ DEL VATICANO – E’ scontro tra Onu e Vaticano. La Santa Sede boccia, con decisione, il progetto di una depenalizzazione universale dell’omosessualità. Un’ iniziativa presa dalla presidenza di turno francese dell’Unione europea, e accolta da tutti i 27 Paesi della Ue. Immediato il “no” della Santa Sede: “Gli stati che non riconoscono l’unione tra persone dello stesso sesso come ‘matrimonio’ – dice monsignor Celestino migliore – verranno messi alla gogna e fatti oggetto di pressioni”. …..per leggere tutto vai QUI

APPELLO CONTRO L’ABOLIZIONE DELLE CURE AGLI IMMIGRATI

Vi segnalo quest’appello per tentare di fermare la proposta della Lega di abolire le cure primarie ed essenziali agli immigrati sprovvisti di permesso di soggiorno, compresi i bambini.

In Ottobre, infatti, in Commissione Affari Costituzionali e Giustizia del Senato  è stata avanzata la proposta della Lega di eliminare per i medici il “principio di non segnalazione alle autorità“. In sostanza si vuole sopprimere il comma 5 dell’articolo 35 del Testo Unico sull’immigrazione che afferma: “l’accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all’autorità, salvo i casi in cui sia obbligatorio il referto, a parità di condizioni con il cittadino italiano”.

La proposta della Lega prevede inoltre la modifica del comma 4 dello stesso articolo, stabilendo la segnalazione alle autorità nel caso di rifiuto del pagamento della prestazione.

C’è stata la mobilitazione di associazioni che operano nell’ambito dei diritti umani (La denuncia di Medici Senza Frontiere: a rischio il diritto fondamentale alla salute per gli immigrati irregolari) e di intere categorie di medici 

Qui il testo dell’Appello promosso dalla Federazione Italiana Medici Pediatri di Modena (FIMP)

La salute è uguale per tutti

Curare gli indigenti, soprattutto i bambini, è un dovere deontologico per tutti i medici, ma è un imperativo etico per un paese civile.
Non cancelliamo con un decreto un diritto costituzionale

….” chi di questi ti sembra stato il prossimo di colui che fu ferito dai briganti ?”
Quello rispose “chi ha avuto compassione e si è preso cura di lui”
ed Egli disse “va e fa anche tu lo stesso”
(Vangelo secondo Luca)

Appello promosso dalla Segreteria Provinciale FIMP
( Federazione Italiana Medici Pediatri ) di Modena

 

La Lega parte dalla considerazione che ci dev’essere un giro di vite nei confronti di chi entra illegalmente nel nostro paese e che la spesa sanitaria cresce a dismisura per colpa delle cure elargite ai clandestini. E d’altra parte si pensa, anzi è già stato proposto un BONUS di 2000 euro agli stranieri che se ne vanno.

Spresiano, 2.000 euro
agli immigrati che se ne vanno

Duemila euro per le famiglie di stranieri indigenti che lasciano Spresiano per trasferirsi altrove. E’ la proposta choc dell’assessore al Sociale Manola Spolverato: «Dare un bonus alle famiglie dove nessuno lavora purchè se ne vadano costa all’amministrazione meno che garantire i contributi economici per il pagamento di affitto, utenze, alimenti e cure mediche» dice.