Saggio è colui che cerca l’introvabile… BUON 2016!

“Niente che può essere trovato è degno di essere cercato. Nulla che può essere catturato è degno di essere cacciato. Saggio è colui che cerca l’introvabile e insegue l’inafferrabile”

tratto da “Il profanatore di biblioteche proibite” di Davide Mosca 

Sto leggendo proprio questo libro, presa dalla disperazione di aver terminato vari libri noiosi, con la voglia del classico svago natalizio. Così, frugando nella biblioteca dei miei figli, ho trovato “Il profanatore di biblioteche proibite” di Davide Mosca. A dir la verità ero scettica ed invece il libro mi ha sorpreso. Davide Mosca è uno scrittore che riesce ad accattivarsi il lettore fin dalle prime pagine. E poi mi sono imbattuta in questa citazione, che lo scrittore riferisce ad un certo mistico medievale dal nome Antonio da Alba Docilia (ma credo non esista e sia invece frutto della fantasia di Mosca).

Quale migliore augurio per un 2016?

Quello di cercare sempre l’introvabile e di crederci…

Alla mezzanotte pubblicherò il continuo del mio racconto “Il mistero della donna pantera”. In fin dei conti quello che voglio fare anche nel 2016 è scrivere.

BUON 2016!

buon_2016-46a23

IL MISTERO DELLA DONNA PANTERA

(continua dal precedente post)

RIASSUNTO

Al villaggio spariscono alcuni bambini. Eilen vuole risolvere il mistero. Sola, all’insaputa del padre Avedon, il saggio del villaggio, decide di affrontare la foresta e di capire la causa delle sparizioni. Nel bosco si imbatte in due personaggi strani, sono piccolissimi e si chiamano Milko e Magda. Magda le rivela dell’esistenza all’interno della foresta di un villaggio abitato da strane creature capaci di trasformarsi in pantere…

Panteranera1

Qualche volta Eilen aveva sentito queste parole tra i bisbigli di suo padre. A dir la verità non sapeva cosa fossero le pantere. Qualcuno le aveva raccontato la storia di questi strani animali neri, dal manto lucido, nascosti all’interno della fitta boscaglia e pronti all’agguato.  Non ne aveva mai visto uno, ma sapeva che tutti gli abitanti del villaggio avevano paura la notte delle loro incursioni notturne. Anzi, avevano ipotizzato che fossero proprio le pantere a portare via i loro figli.

Come qualcuno potesse trovare in lei qualche somiglianza con le pantere, questo proprio non riusciva a capire. Proprio lei che odiava mangiare la carne, disgustata da ogni forma di violenza!

–          Non ho mai saputo dell’esistenza di umani dalla forma di pantere. Mentì Eilen.

–          Non preoccuparti, è mio marito Milko che ha paura di tutti e di tutto. Le donne pantera in realtà non si conosce dove siano. Probabilmente è solo una leggenda.

–          Magda, lo sai anche tu che esistono, non fingere. Ti ricordi di quella donna che venne a morire proprio qui vicino alla nostra casa, dopo il parto? Aveva partorito da poco e si stava trasformando lentamente in quell’animale feroce. Le gambe avevano già acquistato le forme di zampe e venne ad accucciarsi ai piedi del grande albero, ferita al cuore. Era stata lei stessa ad uccidersi. La trasformazione stava imbruttendo il suo bellissimo viso. Le labbra si increspavano in un ghigno mostruoso felino. E gli occhi! Mai visti occhi così belli e feroci, eppure ferita a morte  ebbe la forza per un’ultima parola prima di esalare l’ultimo respiro.

–          Cosa le disse?

Chiese Eilen fremente per il racconto straordinario.

–          Non posso dirlo, è un segreto che terrò sempre con me. Quella donna mi ha rivelato la sua ultima parola d’amore.

–          Va bene, Milko, ora che l’hai raccontata andiamo a letto. La ragazza sarà stanca dopo una giornata passata nella foresta. Vieni bimba…, vieni a dormire. Ti ho preparato un bel giaciglio. A proposito, non ti ho chiesto il nome. Come ti chiami?

–          Mi chiamo Eilen. Grazie per l’accoglienza, siete molto buona, avrò modo di sdebitarmi. Avedon è mio padre.

Come pronunciò il suo nome, Magda sbiancò e così il marito.

–          Ho detto qualcosa che non dovevo?

Eilen pensava di aver detto qualche parola di troppo; più di qualche volta la sua boccaccia le aveva fatto fare brutte figure.

–          No, no…

La rassicurò Magda, comunque notevolmente turbata.

–          Devi andartene. Avedon, tuo padre, ci ha cacciato dal villaggio! Che tu sia maledetta!

Gridò Milko in preda a una furia disumana.

–          Milko, è solo una fanciulla, non puoi prendertela con lei per le colpe del padre!

Magda si corrucciò, si pose dinnanzi a Milko in tutta la sua minuscola altezza.

Il piccolo uomo aveva impugnato un forcone e lo stavo puntando verso Eilen. Magda si pose in mezzo tra il forcone e la ragazza.images

–          Devi uccidere me, se vuoi far del male a lei. Vergognati, credevo di aver sposato una persona degna di chiamarsi uomo.

Milko abbassò l’arma.

Magda tirò la ragazza per le mani. – Vieni via, ti prego. E l’accompagnò verso il piccolo cumulo d’erba che aveva creato apposta per farla riposare.

Eilen si stese sopra, ma prima di lasciare andare Magda, le prese le mani. La donna tremava tutta.

– Magda, non avere paura, io sono vostra amica. Non vi farò mai del male, non è nella mia natura. Sto cercando solo di scoprire la verità su quanto sta succedendo al mio villaggio. Vi ringrazio di cuore per l’ospitalità, non volevo offendervi dicendo che mi sdebiterò. Dovete raccontarmi però la storia di mio padre e del perché siete stati cacciati lontano dal villaggio.

Magda aveva i lunghi capelli che le coprivano gli occhi. Li scostò per vedere il viso della fanciulla. L’osservò attentamente: la ragazza aveva sì la bocca famelica e gli occhi avvampanti. Il profumo che emanava era forte, di selvatico, e da lei si sentiva profondamente attratta, come se una forza malvagia la stesse richiamando verso la sua bocca.

mano-nella-manoEilen le lasciò le mani e facendo questo, con l’unghia graffiò il palmo della mano di Magda. Magda si spaventò, la ferita leggermente sanguinava. Eilen le prese la mano e cominciò a leccarla. Magda, stupita per il gesto animalesco, sottrasse velocemente la mano. Eilen, accortasi del disagio della donna, le lasciò la mano.

– Magda… scusami. Ti prego…

Eilen le si buttò con le braccia addosso il corpo. Magda smise di tremare e ricambiò l’abbraccio. Ricacciò i pensieri negativi che le erano balenati nella testa. Quella ragazza non aveva nulla di animalesco!

–          Devi sapere che io e Milko siamo stati cacciati dal villaggio non solo perché eravamo piccoli di statura, ma soprattutto perché siamo intervenuti in difesa di Aldon e di suo figlio Yoric. Avedon li stava accusando ingiustamente delle sparizioni dei bambini al villaggio. Noi sapevamo che loro non erano colpevoli perché vivevamo nella capanna vicino alla loro. Aldon e sua moglie erano persone sagge e buone. Non avrebbero fatto del male a nessuno! Eilen, ora dormi. Siamo tutti scossi e sarà una lunga notte. Milko dovrà uscire per cacciare ed io devo riposarmi per far sì che domani possa aiutare Milko nella cura della selvaggina.

–          Buonanotte, mi farò raccontare tutto anche da mio padre, voglio cercare di rimediare a questa ingiustizia. Voi e la famiglia di Yoric dovrete tornare al villaggio! E… grazie di tutto.


Magda andò in cucina e con uno straccio si coprì il palmo della mano. Raggiunse il marito che si era steso sul giaciglio in un angolo della stanza.

–          Magda, hai sentito anche tu. Eilen, si chiama Eilen, lo stesso nome che pronunciò quella notte la donna pantera. Non possiamo rimanere qui, dobbiamo andarcene prima che quella donna si trasformi in pantera e ci uccida.

–          No, Milko, ho visto quegli occhi, non sono di una pantera. Non succederà nulla. Rimani qui stanotte, con me. Insieme, anche se fosse,  non ci potrà attaccare.

–          Va bene, ma domani mattina la ragazza dovrà andarsene.

Milko abbracciò la sua donna. Per niente al mondo l’avrebbe lasciata in balìa di quella ragazza. Lui sapeva! Insieme a Magda erano stati cacciati dal villaggio solo perché la loro altezza li rendeva simili a piccoli mostri. Ma non si sentiva indegno. Magda era bellissima e buona di cuore, una donna così non l’avrebbe trovata in nessun altro luogo del mondo! Avevano deciso di rifugiarsi in una capanna sul bosco, non lontano dalla famiglia di Yoric. Non avrebbero mai lasciato quelle persone generose, allontanate in maniera ingiusta da quel supponente di Avedon. Insieme alla moglie avevano cresciuto Yoric. La madre era morta non poco tempo dopo l’allontanamento dal villaggio. Quel dolore era stato troppo forte per il debole cuore della donna. E Aldon, il padre di Yoric, aveva così tanto sofferto per quella perdita, che non aveva fatto altro che covare odio e meditare vendetta nei confronti di Avedon, tanto da tralasciare la cura del figlio. E loro l’avevano visto crescere, gli aveva insegnato i trucchi della caccia, lo aveva sostenuto nei momenti difficile, quando avrebbe voluto tornare nella sua vecchia casa e affrontare chi lo aveva cacciato. Sapeva che Yoric era forte, ma la sua sensibilità e la sofferenza per la morte della madre non gli dava tregua. Magda era stata per lui una madre, con la dolcezza lo aveva protetto e rassicurato, ma il ricordo continuava a tormentarlo.

E poi si ricordò della donna pantera, di quanto assomigliasse alla ragazza. Gli stessi capelli, lo stesso sguardo fiero e quel profumo, di sangue e di ferro che emanava anche nella morte. Lo aveva guardato e gli aveva sussurrato: – Milko, perdona Avedon per quello che  ti ha fatto. Mi amava troppo. Proteggi Eilen. Eilen…

Queste erano state le sue ultime parole. E in quel momento, prima che la trasformazione facesse il suo corso, verso le sembianze di pantera, la riconobbe: Mirianna!, la moglie di Avedon.

Andò a ravvivare il fuoco. Le belve, quella notte non avrebbero osato avvicinarsi!

Ritornò nell’abbraccio della sua donna. Accanto aveva la spada.

 

(Continua)

Saggio è colui che cerca l’introvabile… BUON 2016!ultima modifica: 2016-01-01T00:01:52+00:00da emmagiulia
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Saggio è colui che cerca l’introvabile… BUON 2016!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*